Google Reviews

Parlando onestamente: le recensioni di Google non sono utili come quelle su altri siti.

Sono rare, occasionali e pure anonime. Non si possono ordinare e non sono neanche presenti molte opzioni di filtraggio.

È bene sapere che le cose stanno cambiando.

I punteggi delle recensioni di google ultimamente stanno diventando sempre piu’ importanti nel settore dei viaggio online. Ora le Google Reviews sono visibili da tutti i dispositivi e su molti piu’ siti.

Sta diventando onnipresente anche il pulsante “1+”. Questo pulsante permette agli utenti Google+ di sostenere un brand o anche un media.

Questi prodotti stanno migliorando l’intagrazione. Infatti gli utenti ora possono guardare recensioni e valutazioni senza uscire dall’ecosistema Google.

Tutto cio’ rende difficile ignorare le recensioni di google.

 

Cosa bisogna sapere?

Valutazioni di google

Gli utenti che vogliono valutare un prodotto o servizio possono lasciare una recensione nelle sezioni dedicate. Google ha un sistema di valutazione molto semplice e basico.

Si basa su 5 stelle:

1 Stella: Pessimo
2 stelle: Non mi è piaciuto
3 Stelle: Abbastanza
4 Stelle: Mi è piaciuto
5 Star: Mi è piaciuto molto

Cosa c’è in google maps’

Google maps nella sua interfaccia ha di base le mappe. Se si cerca pero’ un negozio, ristorante o altro si apre una nuova scheda.

In questa scheda sono presenti:

  • Le foto scattate sia dagli utenti che da Google, che puoi anche inserire tu stesso.
  • Le indicazioni per portarti fino al punto interassato con diverse opzioni.
  • La possibilità di condividere il punto o la navigazione.
  • I dati del punto selezionato come: sito web, numero di telefono e email.
  • Riepilogo delle valutazioni.
  • Recensioni con anche la possibilità di vedere i clienti verificati.
  • Infine le ricerche correlate.

 

Abbiamo capito che la schermata di google maps è molto ricca. È possibile trovare molte cose e ci sono anche tantissime informazioni utili. Le valutazioni sono presenti e possono essere viste con molta semplicità, e inoltre sono disponibili anche i commenti.

Le recensioni influenzano la ricerca?

La risposta è si alterano le classiafiche delle ricerche di google portando nella parte alta della classifica i prodotti che hanno le valutazioni maggiori. È stato pero’ sfatato il mito che influenzino l’organico. Questo pero’ non significa che i clienti non siano influenzati dalle recensioni pero’ speriamo che Google aggiunga la possibilità di filtrare i suoi risultati e ordinarli secondo le proprie preferenze.

Ovviamente piu’ recensioni positive ci sono piu’ gli utenti saranno attratti e visiteranno il posto.

Come aumentare le recensioni?

In molti se lo chiedono e le soluzioni sono varie. Si possono sollecitare i clienti dando loro delle card, inviando delle mail chiedendo loro di lasciare una recensione o anche piu’ semplicemente aggiungendo un link alla tua pagina web che rimandi direttamente alla schermata delle recensioni. Per questi servizi esistono anche piattaforme come quella di revi che offrono un servizio di raccolta delle recensioni e inviano mail sollecitandoli.

Uno dei metodi piu’ efficaci è quello di avere un account Google+ dove poter interagire con i clienti in modo da rispondere alle loro recensioni e farli sentire molto piu’ soddisfatti.

Si puo rispondere alle recensioni?

Certo uno dei servizi piu utili di Google è proprio questo. Grazie a Google+ potrai entrare nel tuo account e rispondere direttamente in maniera molto semplice. La possibilità di rispondere aiuta anche a risolvere i malintesi con i clienti in modo che possano tornare un’altra volta e avrai l’occasione di rafarti.

Inoltre con Advert puoi ricevere delle notifiche quando ti arriveranno delle nuove valutazioni e recensioni.

Tieniti sempre aggiornato!

Cos’è un hashtag?

Hai mai usato gli hashtag nei tuoi tweet o come accompagnamento alle tue foto di instagram? Probabilmente se sei utente dei social network è probabile che tu ne abbia già fatto uso.

Quella che è iniziata come una funzione in piu’ di twitter è diventata poi un contenuto virale di cui molte persone ne abusano senza sapere il vero e proprio senso. Molte aziende di social media nell’ultimo periodo stanno promuovendo questa viralità. Basta pensare a instagram che ha da poco aggiunto la ricerca filtrata per hashtag.

Cos’è un’hashtag?

Un’hashtag (chiamato anche tag) di solito è una parola non troppo lunga. Viene preceduto da un pad (#) e le parole di cui è composto vengono preséntate senza spazi.

Proprio il pad distingue gli hashtag nelle piattaforme social.

Un esempio molto famoso puo’ essere quello di #Prayfor, che ogni volta che succede una catastrofe viene usato dagli utenti per dare il loro appoggio e supporto.

Il piu’ recente caso è stato quello di amzon #PrayforAmazon, di seguito al grosso incendio nella foresta amazzonica.

Possono affrontare qualunque argomento. Non c’è limite alla creatività e alle parole che possono racchiudere.

Devi pero’ tenere a mente che piu’ accattivanti sono meglio verranno recepiti e attrarranno l’attenzione. Inoltre le frasi piu’ piccole sono le piu’ facili da memorizzare.

Ricorda anche di accompagnarli ad una domanda così che abbiano un motivo per essere usati.

Ma a cosa servono esattemente?

In primo luogo possono svolgere funzioni come quelle scritte di seguito.

  • Metodo di connessione tra utenti

Sono un metodo per comunicare con altri utenti ma non in meniera diretta tipo sotto un post di facebook. Possono essere visti come parola chiave per un’argomento discusso.

 

  • Trova i contenuti di tuo interesse

Tramite i tag è possibile trovare dei post di tuo interesse poichè filtri i tuoi contenuti con una parola chiave che ti porterà a trovare quello che stai cercando.

 

 

  • Compila tutto cio’ che riguarda un’argomento

E’ simile a cio che accade in google quando si cerca una parola chiave.

Ovvero serve a racchiudere tutti i contenuti in un singolo tag.

 

  • Promuovi un’evento

Potrai promuovere i tuoi eventi attraverso i tag.

Creando dei tag dedicati potrai andare nelle tendenze e far parlare di te.

 

  • Facilita la comunicazione 2.0

È uno strumento molto utile per mostrare la tua etichetta e monitorare quello che gli utenti dicono su di te o sul tuo prodotto.

Attraverso queste etichette riceverai dei feedback dai clienti.

 

Come funzionano gli hashtag?

 

Quando crei uno di questi tag su un qualsiasi social network questo si trasforma subito in collegamento ipertestuale e ricondurrà le ricerche simili al tuo risoltato.

 

Come puo’ essere implementato un’hashtag?

 

Aggiungerlo è molto semplice devi solo scrivere il tuo tag preceduto dal pad e farà tutto da solo.

Lo devi integrare nella descrizione del post.

Hai anche un paio di opzioni:

  1. Il primo metodo è quello di farlo alla fine della descrizione dopo aver riportato il tuo messaggio.
  2. Il secondo è piu’ moderno e piu’ integrativo, consiste nell’includerlo nelle parole della descrizione. Ad esempio se nella descrizione usi la parola marketing la trasformi in tag #

Sta a te decidere quale metodo ti convince di piu’.

 

Utilità secondo i social network.

Ogni social gestisce gli hashtag in maniera diversa.

Sta a lkoro sceglierne l’utilità e gli scopi che avranno quando sono usati.

  • Su twitter

Vengono usati in maniera molto diretta. Si usano per clessificare il contenuto dei post ed ogni utente puo’ cercare all’interno dei tag il contenuto che preferisce.

 

 

 

  • Su Instagram

Su instagram va un po’ oltre perchè è anche possibile seguire gli hashtag in modo da rimanere sempre aggiornato sui tuoi argomenti preferiti.

Fattori da considerare prima di crearlo

  • Non creare tag troppo lunghi. Sarebbero difficili da tenere a mente e gli utenti se lo scorderebbero subito.
  • Non usare caratteri speciali; potrebbero danneggiare la struttura del tag.
  • Usa parole e frasi direttamente correlate all’argomento che stai trattando. In questo modo sarà piu facile trovarti e verrai trovato solo da chi ti cerca veramente.
  • “Separare” anche se non à possibile mettere gli spazi si possono comunque dividere le parole ad esempio mettendo la prima lettera di ogni parola in maiuscolo.
  • Non abusare degli argomenti in tendenza rischierai di perdere utenza per il contenuto non pertinente con i tag.

 

Attirare nuovi clienti

In questo periodo con la crisi capita di non trovare clienti. Tuttavia ci possono essere dei metodi per attirarne di nuovi e spingere la tua azienda. Con degli input e consigli che troverai riportati qua sotto potrai provare ad attrarre dei nuovi clienti.

Prima di tutto bisogna capire a che tipo di clientela miri. Dopo ever capito questo potrai pianificare una strategia.

  1. SEO

Il primo modo per far si che le persone ti conoscano è che trovino il tuo sito aziendale.

Se hai un sito azziendale attrarrai molta piu gente e ancora meglio se hai uno store online. Se ne hai uno potrai vendere i tuoi prodotti e servizi anche alle persone piu distanti da te. In questo modo puoi incrementare le vendite e ampliare la tua zona di vendita.

SEO sta per Search Engine Optimization quindi in poche parole indica tutte le attività volte al posizionamento del proprio sito sulle ricerche google.

Grazie a questo potrai anche ottenere un ranking con le stelline così da poter avere piu visibilità e il tuo sito sarà facile da trovare per molte piu persone.

 

Il processo SEO prende il via con le parloe chiavi utilizzate dal tuo sito che sono poi quelle che determinano il tuo posizionamento nelle ricerche google.

Infatti se qualcuno fa una ricerca e all’interno di essa ci sono delle parole chiave che hai utilizzato allora il sito comparirà nelle ricerche.

In caso contrario il sito non apparirà.

 

Consiglio bonus: Per gestire le recensioni che poi ti aiuteranno a ricevere il ranking google tramite le stelline puoi utilizzare revi.  Il nostro sito è fatto appositamente per te e ti aiutreremo a raccogliere le recensioni e verraqnno gestite in maniera trasparente.

 

  1. Esperienze dell’utente

Per redere felice il cliente ed aiutarlo negli acquisti puoi fare in modo che il tuo sito gli consigli dei prodotti in base a quello che ha già nel carrello o a quello che ha gia comprato negli acquisti precedenti.

In questo modo il cliente potrà trovare quello ch3e gli serve ed anche di piu; questo permette a te di guadagnare ed al cliente di essere felice di aver trovato quello che gli serve.

 

Se il cliente è soddisfatto promuoverà il tuo brand tramite passaparola e anche magari esponendolo in pubblico.

Questo è uno dei migliori modi per farsi pubblicità. Perchè così le persone che sentono parlare bene dei tuoi prodotti si convincono di comprarli.

 

  1. Social media marketing

Promuovere il tuo brand sui social media aiuterà molto a farlo crescere. Le persone con il tempo si stanno spostando molto sui social media. Vedendo i tuoi prodotti sui tuoi post o nei consigliati si possono interessare e di conseguenza faranno magari un giro sul tuo sito web per poi comprarlo.

 

Sui social media avrai dei feedback istantanei e questo ti potrà anche aiutare a migliorare i tuoi servizi.

 

  1. Email

Per tenere vive le attenzioni del cliente puoi inviare delle mail per sollecitare l’interesse.

Inviando una mail ogni tantoi con i nuovi prodotti o degli sconti speciali il cliente sarà invogliato a tornare sul tuo sito.

Per sollecitare ancor di piu’ l’interesse puoi inserire delle grafiche interessanti così ne sarà anche attratto.

 

  1. Pubblicità

Puoi anche affidarti ad un’agenzia pubblicitaria per sponsorizzare i prodotti e l’azienda.

In questo modo attrarrai anche persone che non ti conoscono. Potrai portare il tuo brand in nuove zone ed avere nuove utenze.

 

  1. Promozioni

Facendo delle promozioni speciale es. ( i prossimi 1000 che si registrano al sito avranno il 50% di sconto) potrai prendere l’attenzione delle persone. Proveranno a fare un giro sul tuo sito per vedere cosa offri e nel caso gli servisse qualcosa diventeranno tuoi clienti e potranno espandere il passaparola.

 

Conclusione

In conclusione abbiamo capito che per attirare nuovi clienti servono delle strategie per prendere il loro interesse e farlo girare tra i loro conoscenti.

Si possono anche attrarre tramite i social che in questi anni stanno diventando il maggiore canale per farsi conoscere.

 

Come promuovere il tuo prodotto

Come si promuove un prodotto in maniera davvero efficace?

 

Oggi parleremo delle migliori strategie per promuovere un prodotto. Come prima cosa devi indivuduare il target di riferimento. Infatti per vendere un prodotto e pubblicizzarlo in modo vincente è necessario aver ben chiaro in testa chi saranno i tuoi acquirenti-tipo.  Devi ritagliare la tua fetta di mercato con le persone che potrebbero essere veramente intertessate al prodotto. Da loro puoi avere i migliori ricavi.

Tutto dipende ovviamente dal tipo di prodotto che vuoi promuovere. Il tuo target puo’ essere costituito da uomini tra i 30 e 40 anni iscritti ad una palestra o, donne di 30 anni con figli.

Per imprarare a vendere un prodotto devi quindi conoscere il prodotto. Devi sapere a quale fascia di mercato devi puntare. Conoscendo il tuo target piu sarai specifico piu sarai efficace perchè le promozioni andranno dritte al punto. Arriveranno direttamente alle persone intertessate. Il consiglio quindi è di partire da fetta di mercato di nicchia. In un secondo momento potrai dedicarti  all’ampliamento del target.

Secondo Seth Godin, autore del famosissimo libro “la mucca viola”, i primi ad adoperare il tuo prodotto saranno quelli che lui chiama Early Adopters. Sono i prossimi utilizzatori. Una vera e propria miniera di informazioni. Saranno loro a guidarti con i loro feedback, consigli e richieste. Potrai raccoglierle con i commenti sui social e le recensioni e per questo esistono i servizi come quello di revi che ti aiutano a raccogliere recensioni e pubblicizzare il tuo prodotto raccogliendo recensioni positive e la possibilità di esporre le stelline di valutazione. Potrai far notare il tuo prodotto grazie alle buone recensioni.

Il prossimo passo è quello di creare un piano di vendita (sales plan).  Mettendo degli obbiettivi da raggiungere e poensa a quante unità del tuo prodotto vuoi vendere in un mese, sei mesi poi un anno e cosi via.

Fatto questo decidi quali saranno le tue tecniche di vendita:

 

Pensa a come vuoi vendere il tuo prodotto, in un negozio fisico o online? Ti appoggerai a rivenditori esterni? Quanti prodotti saranno destinati all’e-commerce e quanti ai grandi magazzini?

Prima di lanciare il tuo prodotto sul mercato e pubblicizzarlo ti consigliamo di fare ancora qualche check. Soporattutto di visitare il sito della Nielsen un’azienda statunitense che conduce degli studi sulle pubblicità dei prodotti e la loro efficacia.

https://www.nielsen.com/es/es/

A questo link potrai trovare tante informazioni sulle pubblicità create dalle aziende negli anni. Potrai anche vedere alcune aziende che sono riuscite coin successo ed altre che hanno fatto dei flop.

Siamo arrivati alla fine. Ora puoi iniziare a vendere il tuo prodotto e promuoverlo in maniera eccellente. Molti sostengono che per iniziare la cosa migliore è interagire con il tuo target sui social per iniziare a far conoscere il tuo prodotto e iniziare anche ad interagire con i clienti. Loro inizieranno a lasciarti delle recensioni che potranno servirti per migliorare i tuoi prodotti e servizi.

 

Lanciati sul mercato social

 

Comunicare con le immagini è piu’ facile?

 

Non è sempre detto…parliamo di instagram il social fotografico per eccellenza e strutturiamo una strategia per promuovere il nostro prodotto.

 

 

Impariamo a conoscere Instagram con un po’ di numeri…

 

In seguito alla sua apparizione 6 ottobre del 2010 il social ne ha fatta di strada soprattutto in seguito alla sua aquisizione da parte di Mr. Zuckemberg 2012.

In questi anni instagram ha raggiunto i 600 milioni di utenti non supera comunque gli 1.8 miliardi di facebook pero’ è in continua crescita soprattutto tra i giovani.

Secondo delle statististiche sul tasso di utenti su instagram si comferma che circa il 90% degli utenti sono sotto i 40 anni. Le nuove generazioni preferiscono comunicare in maniera piu’ diretta e intuitiva come con le immagini. Per questo la forza di instagram sta soprattutto nel design e nell’avere figure di riferimento come i fashion blogger che possono influenzare gli utenti con i loro post.

Portare un brand su instagram: 6 consigli

Anche su instagram valgono le regole sulla brand identy, se non sai di cosa si tratta ti lasciamo un link su cui ti puoi informare.

https://en.99designs.es/blog/tips/brand-identity/

  1. Rispetta i tuoi valori

 

 

Ogni brand ha i suoi valori e vanno rispettati e riportati all’interno dei propri post. Mantenendo un’immagine coordinata dell’azienda e un proprio carattere.

Devi cercare di portare i tuoi valori all’interno dei tuoi post. In queso modo puoi fidelizzare i tuoi clienti e far capire a colpo d’occhio che quel post è tuo.

Il consiglio è di usare un template per rendere i tuoi post unici e riconoscibili.

 

 

  1. Passa ad un profilo aziendale

 

 

Sembrerà ovvio ma lo diciamo comunque, su instagram si puo’ mettere il profilo aziendale e questo consentirà:

  • L’inserimento di un numero di telefono.
  • Abiliterà la funzione insights con cui potrai vedere le statistiche.
  • Consentirà di creare promozioni.
  • Consentirà di collegare l’account facebook alla tua pagina instagram.

 

  1. Cura le informazioni del profilo

 

Il consiglio è quello di usare come immagine di profilo il logo dell’azienda.  Nella descizione inserite tutte le informazioni utili (telefono, indirizzo, email) ed il link per il sito web.

 

 

  1. Immagine coordinata e coerente con il brand

 

 

Seleziona la palette di colori che vuoi utilizzare per ogni scatto. Un font nel caso la foto dovesse contenere del testo. Ricorda di distinguere sempre il tuo post da queòllo degli altri mettendo anche il maqrchio all’interno dello scatto.

 

 

 

 

  1. #Hashtag

 

Controllare gli hashtag conosciuti e metterli sotto i post per farsi conoscere ed essere influenti sulle categorie desiderate.

 

 

  1. Quanto e quando pubblicare?

 

 

Il consiglio è quello di fare 2/3 post al giorno ma se non si riesce ne va bene anche uno solo.

Per quanto ruiguarda gli orari i migliori sono:

  • La mattina dopo colazione.
  • Durante la pausa pranzo.
  • La sera dopo cena.

 

 

Su instagram è possibile anche creare dei contenuti temporanei come le instagram stories (24H). Queste si possono anche tenere sul profilo e raggruppare all’interno delle storie in evidenza.

Inoltre è possibile programmare i post con delle app apposite.

 

Conclusioni

 

Per promuovere il proprio prodotto sia online che no c’è bisogno di una strategia precisa con molti passaggi. Abbiamo inoltre capito che individuare il proprio target è fondamentale per basarsi sul mercato giusto.

Per quanto riguarda i social per instagram come per gli altri ci sono drelle regole da seguire. Quella fondamentale è di seguire la brand identy per distinguere i propri post da quelli degli altri e farsi sempre riconoscere.

4 APP PER RIVOLUZIONARE LE IMMAGINI

 

“Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione del mondo, ma niente, assolutamente niente, sostituisce lo sguardo dell’essere umano.”
(Paulo Coelho)

Nella societa’ odierna le immagini prevalgono in maniera assoluta. Non e’ vero che l’occhio vuole la sua parte, la pretende. Siamo ormai abituati a prendere decisioni piu’ su quello che vediamo che su cio’ che ascoltiamo. Continua a leggere 4 APP PER RIVOLUZIONARE LE IMMAGINI

Marketing in estate

Arriva l’estate, la gente va in vacanza a godersi le ferie e come tutti,  anche chi si occupa di marketing. Scomparire del tutto dal web peró, puó essere molto rischioso per un’ azienda, trasformando il periodo piú atteso dell’ anno nel piú pericoloso e temuto.

Gli utenti durente le ferie non spariscono anzi, sono molto attivi nel modo social. Questa diventa dunque un’occasione imperdibile per chi deve sponsorizzare un prodotto.

Continua a leggere Marketing in estate