Controllo esterno per vendere di più su Internet

L’impresa valenciana weeComments sviluppa un sistema che certifica che le recensioni dei clienti siano autentiche al fine che i negozi guadagnino prestigio e incrementino le loro vendite.

Levante Periódico equipo weeComments valencia

Uno su tre spagnoli già compra attraverso Internet. La cifra è quasi il doppio rispetto a cinque anni fa, anche se molti consumatori sono ancora restii a inserire il loro numero di carta di credito sul web.

La startup valenciana weeComments ha sviluppato un sistema che certifica che le recensioni dei clienti sono autentiche affinchè i potenziali acquirenti perdano la paura. L’impresa ha generato più di 50.000 recensioni. La chiave del loro sistema è che non permettono ai negozi di manipolare i commenti per garantire che siano affidabili. La startup ha già preso accordi con più di un centinaio di imprese. Pau Mompó, responsabile di weeComments, ha sottolineato che “ogni giorno ci sono sempre più negozi online e i clienti cercano se i riferimenti sono affidabili o no. Noi trattiamo di fare luce e aiutiamo le imprese a generare fiducia per essere più competitive.”

Mompó ha affermato che l’idea di istituire un sistema di commenti per gli acquisti dei prodotti e servizi gli venne perchè in precedenza lavorava nel settore del commercio elettronico e cercava formule per incrementare la fiducia dei negozi online. “Ricercando abbiamo visto che c’era già un’impresa tedesca che lo faceva. Si chiama Ekomi. Il concetto era buono, ma offriva il servizio con tariffe esorbitanti e una scadente presentazione. Siamo arrivati alla conclusione che potevamo migliorare e così abbiamo messo in marcia weeComments.”

Pau Mompó ha spiegato che svilupparono un sistema simile a EBay. L’utente realizza un acquisto e riceve un’email affinchè faccia una valutazione. Possono lasciare valutazioni solo i clienti che hanno acquistato in questo negozio. “Il problema è che molti negozi online mettono i propri commenti e controllano quelli negativi. Quello che arriva all’utente finisce per non essere reale. Con il nostro sistema i negozi non possono manipolare le recensioni. Garantiamo che sono reali al 100%”, sottolineò il responsabile dell”impresa.

Il fondatore di weeComments ha riconosciuto che ad alcune imprese può non interessare il sistema di commenti perchè perdono il controllo su quelli negativi. “Quello che noi diciamo sempre però è che la gente diventa ogni giorno più intelligente e non fa credito ai negozi online che hanno solo opinioni positive. I consumatori cercano anche le opinioni negative per vedere le soluzioni. Tutti sappiamo che le imprese fanno errori”, ha insistito Pau Mompó.

weeComments è nata un anno fa, ma negli ultimi mesi ha cominciato a crescere con forza. Il mese scorso ha concluso un accordo con l’impresa francese etissus.net che genera più di 2000 ordini al mese. Da due mesi lavora anche con la startup valenciana maquilleo.com che ha un volume di affari di 500 ordini al mese. “Grazie al nostro sistema hanno aumentato le vendite”, ha indicato il direttore generale di weeComments. Mompó ha aggiunto che di media il 20% dei clienti alla fine lascia la sua recensione.

weeComments sta preparando il suo salto all’estero perchè il modello è scalabile. La ditta ha tradotto la sua pagina web in inglese e in francese. “Il nostro modello di affari si basa nel far pagare molto poco ai negozi online per avere una grande base di clienti che genera benefici”, ha segnalato Mompó.

Servizio Freemium al fine che i commerci elettronici provino

L’impresa valenciana ha scommesso sul modello freemium affinchè i commerci elettronici provino il servizio. Il modello freemium, che si è molto affermato negli Stati Uniti, funziona offrendo servizi base gratuiti mentre si incassa con altri più avanzati o speciali. weeComments permette ai negozi online di ricevere 50 commenti gratis e a partire da lì guadagna tra i 10 e i 30 euro per più commenti e servizi.

In weeComments lavorano quattro persone: Pau Mompó (direttore generale), Paula Rubio (laureata in giornalismo), Silvia Pellicer (laureata in pubblicità) e lo studente José Manuel Blasco. L’impresa ha aperto da poco più di un anno. I suoi responsabili segnalano che il 78% dei clienti controlla le recensioni prima di acquistare.

Fonte: Levante Emv versione Impresa giorno 3 gennaio 2015, sezione Innovazione e Imprese

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *